UNIONE ASTROFILI ITALIANI

SEZIONE METEORE (UAI-sm)



Osservazioni di bolidi in MARZO 2011

Observational data of March fireballs

(c)UAI-sm
I dati compresi [...] sono stati dedotti e/o misurati in sede di analisi a cura della UAI-sm.
"Fonte" indica la persona o l'ente da cui si sono attinte le informazioni.



2011 marzo 08 / 23h45m TU / Magn max -7
Ilaria FABBRI.
LUCCA (LU) viale Papi,
[+43.84° -10.49° +16mt]
Lm: tra le luci artificiali. Colore bianco (testa), bianco/rosso (scia). Forma sferica, diametro 7'-8' circa. Durata circa 4 secondi. Velocità angolare lenta. Scia persistente 1 secondo. Traccia: avvistamento in direzione Ovest-Sud-Ovest, spostamento all'incirca con direzione Ovest > Est a un'altezza di circa 45 gradi, spegnimento a lato delle mura della citta'
[N_171°E].
Fonte: I.Fabbri, UAI-Sezione Meteore comunicazione privata.
Questo meteoroide è entrato in atmosfera all'incirca sui cieli del mar Tirreno, al largo della costa toscana.

2011 marzo 18 / 22h34m TU / Magn max -7
Davide URBINATI.
MONTE GRIMANO (PU),
[+43.87° -12.47° +535mt]
Lm: chiarore lunare. Colore rosso. Durata circa 4 secondi. Velocità angolare abbastanza lenta. Traccia: accensione vicino alla Polare (poco distante dalle 2 stelle della testa del DRA), spegnimento tra HER e SER a +15° di altezza.
Fonte: D.Urbinati in mailing list METEORE.

Bolide 2011_03_24_2210 UT ---  S.Crivello (GE) 2011 marzo 24 / 22h10m TU / Magn max -4.0 [zenitale -4.1] / VIDEO
Stefano CRIVELLO.
CASERZA (GE)
, +44.5574° -9.0425° +738mt (WGS84).
Meteora ripresa con videocamera ccd STG38, obiettivo 3,8mm f:0,8. Magn: max a 0,89 del percorso. Velocità angolare 11°/sec. Scia persistente. Traccia: accensione in COM, spegnimento in CVN.
Fonte: S.Crivello, UAI-Sezione Meteore comunicazione privata.

<< Traccia del bolide di magn -4,5 ripreso da Stefano Crivello in COM / CVN il 24marzo con video camera Mintron e software di ricognizione MetRec -- © S.Crivello (GE)
Questo meteoroide (ripreso anche da altre 2 video camere della rete UAI-Sezione Meteore) è entrato in atmosfera all'incirca sui cieli della Liguria di ponente.

Bolide del 30 marzo 2011 sui cieli del mar Tirreno
2011 marzo 30 / 05h04m TU / Magn max [-3.9]
Fernando FERRI.
ANZIO (RM), stazione
[+41.46° -12.61° +20mt]
Lm: diurno (Sole appena sopra l'orizzonte). Magn: meno di Venere. Colore verde. Spessore scia 5° circa, con baffi dietro la testa. Traccia: inizio non visto, avvistamento in LYR, spegnimento in BOO.
Fonte: F.Ferri, UAI-Sezione Meteore comunicazione privata.
2011 marzo 30 / 05h03m TU / Magn max [...]
Michele MALLOZZI.
FORMIA (LT), porto
[+41.25° -13.61° +1mt]
Frammentazione in 3 pezzi lungo il percorso. Durata circa 2 secondi fino alla frammentazione e altri 2 secondi fino alla scomparsa. Traccia: discendente fino a +30° di altezza in direzione Nord-Ovest.
Fonte: M.Mallozzi, UAI-Sezione Meteore comunicazione privata.
Questo grosso bolide è apparso alle 05h04m UT di mercoledì 30 marzo sui cieli del mare Tirreno, appena al largo della costa laziale. Si tratta di un bolide diurno osservato addirittura quando il Sole era già da pochi istanti sopra orizzonte locale. Numerose sono comunque le testimonianze visuali, ma poche sono quelle che forniscono dati posizionali, per giunta utilizzabili.
I dati più attendibili sono quelli pervenuti alla UAI-sm da astrofili del Lazio, la regione più prossima all'evento. Il bolide, essendo stato visto nel chiarore diurno, non è stato stimato ovviamente brillante, ma comunque per essere stato osservato nel cielo chiaro deve essere stato un oggetto parecchio luminoso.

Traiettoria del bolide 2011_03_30_0503 UT --  UAI-Sezione Meteore

Combinando e vagliando criticamente i dati a disposizione è verosimile che il meteoroide entrando in atmosfera si sia reso visibile a una altezza di 99 km sui cieli del mare Tirreno, poco al largo della costa laziale (in corrispondenza di Latina), e si sia spento a circa 60 km di altezza, sui cieli a una cinquantina di chilometri più al largo (alla latitudine di Anzio). La meteora è risultata provenire con direzione all'incirca Est-Sud-Est > Ovest-Nord-Ovest, da un radiante in Pegaso, quasi ai confini con la costellazione dei Pesci. Nell'immagine sono indicate le geometrie del percorso atmosferico del bolide come viste dalle due stazioni laziali di Anzio e Formia. Queste risultanze, basate solamente sulle poche osservazioni visuali disponibili, sono ovviamente soggette a perfezionarsi nel caso in cui dovessero intervenire ulteriori dati osservativi utili.

2011 marzo 30 / 23h07m TU / Magn max -10
Max SAULE.
TRIESTE sud (TS), +45.615° -13.821° +6mt.
Magn: -9 iniziale, -10 finale, con 3 flare. Frammentazione a ventaglio in piu' pezzi. Forma a goccia, diametro 2-3'. Durata 4 secondi. Velocità angolare media. Colore giallo/arancione. Scia persistente 1 secondo. Traccia: accensione a nord-ovest (tra gli alberi), spegnimento a N_90°E,+70°.
Fonte: M.Saule, UAI-Sezione Meteore comunicazione privata.


Per inviare i dati osservativi, informazioni e  annotazioni scrivere alla UAI-sm

Per  tornare  alla  pagina principale  della UAI-sm

Aderisci alla Mailing List italiana METEORE
gruppo di discussione via e-mail per lo scambio di informazioni e dati osservativi su meteore, bolidi e meteoriti.
Pagina Web principale:
http://it.groups.yahoo.com/group/Meteore


Questo è l'accesso alle pagine di questo sito